C19, vacanze estive: rischio di rincari. Boom di richieste per case vacanze.

Sono ancora tanti i dubbi e non c’è neppure la certezza che davvero si potrà partire questa estate. Gli esperti sono divisi ma la cautela prevale. Se gli italiani potranno andare in vacanza, sicuramente saranno vacanze diverse, dedicate a luoghi meno frequentati, un turismo di prossimità che potrebbe diventare una vera e propria tendenza per i prossimi mesi o anni a venire. 

Per ora la possibilità di andare al mare questa estate non è preclusa, ovviamente dovranno essere rispettati molti accorgimenti e proprio questi accorgimenti negli stabilimenti balneari potrebbero far lievitare i costi. Ingressi scaglionati a turni, sanificazioni continue, ombrelloni distanti, pasti sotto l’ombrellone, steward da spiaggia per controllare il rispetto delle regole e dispenser igienizzanti vorrebbe dire costi maggiori per i gestori che alla fine si riverseranno sui clienti. Quindi al momento non è difficile immaginare un rialzo dei costi per poter passare una giornata al mare o una intera vacanza ma tutto dipenderà dalle misure che saranno prese e dalla voglia degli italiani di tornare alla normalità

Come scrive il Corriere, pare che gli italiani si stiano muovendo verso la ricerca di case in affitto per le vacanze, soprattutto quelle con piscina. Mentre molti alberghi, villaggi e strutture turistiche non sanno ancora se apriranno oppure no, gli italiani sembrano intenzionati a non rinunciare alle vacanze, meglio se prenotando case per qualche settimana. Secondo Luca Rossetto, amministratore delegato di Casa.it: «Nei comuni costieri sono addirittura quadruplicate le ricerche di case in affitto con piscina in Sicilia, Liguria e Toscana. Nelle prime 2 settimane di aprile a Palermo le abitazioni con piscina vengono cercate 6 volte di più rispetto al periodo precedente».