Coronavirus, Onu: “Il mondo rischia carestie di proporzioni bibliche”

Il mondo rischia carestie diffuse “di proporzioni bibliche” a causa dalla pandemia di coronavirus. E’ l’allarme lanciato dall’Onu. Secondo David Beasley, capo del Programma alimentare mondiale, è necessaria un’azione urgente per evitare una “catastrofe umanitaria”. Un rapporto del Pam stima che il numero di persone che soffrono la fame potrebbe passare da 135 milioni a oltre 250 milioni. Quelli più a rischio sono in 10 Paesi colpiti da conflitti, crisi economiche e cambiamenti climatici.