femminicidio nel Milanese | La coppia era in isolamento per il coronavirus

Dopo nove anni di vita insieme lei voleva andarsene e il compagno Antonio Vena, una guardia venatoria di 47 anni, ha deciso di ucciderla. E’ questo il movente dell’omicidio avvenuto nella notte tra sabato e domenica in una casa di Truccazzano (MIlano). La vittima, Alessandra Cità, 47 anni, è stata raggiunta alla testa da un colpo di fucile ed era già morta quando i carabinieri sono arrivati. La coppia era in isolamento per il coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.