IL MONDO A TESTA IN GIÙ

Co19, Guterres, segretario generale Onu: “I Paesi sviluppati dovrebbero trarre una lezione dalle misure preventive coraggiose adottate da molti Stati africani per limitare la diffusione del coronavirus“.

Ecco la risposta a chi si poneva il dubbio sui motivi per cui America, Cina, Europa, Gran Bretagna e Brasile ecc sono state le più colpite: ritardi, superficialità, arroganza e ignoranza (su tutti Trump) interessi economici e finanziari.

Le ragioni sono molto semplici: nel mondo industrializzato l’economia e la finanza sono state poste al centro dell’interesse politico a discapito della dignità, della salute e della vita umana, con la logica conseguenza che ciò non poteva prima o poi non condurci alla disperazione, alla povertà, alla fame e alla morte dell’anima prima ancora che materiale.

Ergo, il santo padre Francesco e Greta Thunberg avevano ragione e tutti gli altri torto marcio!

Quei Paesi che millantavano propagandisticamente di essere civili e civilizzati hanno di fatto dimostrato di aver fallito su tutti i fronti, e chissà se nel tempo non si potranno addirittura invertire per colpa dei loro capi e caporali le rotte migratorie…

Chissà se non saremo noi a patire, a crepare sui barconi per fuggire dall’inferno alle porte con la speranza di raggiungere l’Africa… Africa che a differenza nostra si è salvata dal virus e potrebbe un domani, forse non troppo lontano, accoglierci e salvare le vite di tutti noi.

Povero mondo, in quali mani lorde di sangue e ogni abuso e abominio ti abbiamo gettato noi stessi.