Prato, Condannata a 6 anni la donna che ha avuto un figlio con un 14enne

Il Tribunale di Prato ha condannato a sei anni e sei mesi la 32enne accusata di violenza sessuale nei confrnti di un minorenne cui dava ripetizioni private e dal quale ha avuto un figlio circa due anni fa. L’accusa aveva chiesto una condanna a sette anni. Con la donna era a processo anche il marito, accusato di falsa attestazione di stato per aver affermato di essere il padre del bimbo e al quale è stata inflitta una pena di un anno e otto mesi.

Il ragazzino, oggi sedicenne, all’epoca dei fatti contestati, secondo gli inquirenti, non aveva ancora compiuto 14 anni. Stando alle testimonianze di quanti conoscevano la donna e alle chat estrapolate dai cellulari, la trentenne, che si era offerta di dare ripetizioni al minore per l’esame di terza media, avrebbe esercitato pressioni e ricatti sull’adolescente perché non interrompesse la loro relazione.

Durante il processo, la difesa della donna aveva chiesto l’assoluzione per tutti i capi di imputazione. Ora il legale attende il deposito delle motivazioni della sentenza e poi ricorrerà in appello.